Pranzi in Contenitore per l’Ufficio e due Ricette di “Sirocco” di Sabrina Ghayour

Sirocco Cookbook Review by Sabrina Ghayour | Lab Noon by Saghar Setareh-9

Nota: Le foto di questo post sono state scattate da Latteria Studio a Roma, un posto meraviglioso nel cuore di Trastevere dedicato alla fotografia e styling di food, che fa eventi, cene e workshop con gli appassionati di cucina e condivisione. Curato dalla meravigliosa Alice Adams.

Sirocco Cookbook Review by Sabrina Ghayour | Lab Noon by Saghar Setareh-38

1. A Un Batter d’Occhio… 

Ma davvero é già arrivata l’estate? Dove sono volati via marzo, aprile e maggio? Quando sono sparite via dal mercato le ultime arance e come é possibile che ci siano già le ciliegie, le albicocche, i meloni e le pesche da per tutto? Quando il sole é salito così alto nel cielo a tal punto di baciare la nostra pelle abbastanza forte che siamo già abbronzati?

Si può dire che mi sono un po’ lasciata dietro il tempo ha corso velocemente ultimamente. Sento che oltre agli ultimi sono cambiate molto più cose oltre alla casa, il lavoro e la mia situazione sentimentale. (Anche se questi da solo conterebbero come una via cambiata!)

Sirocco Cookbook Review by Sabrina Ghayour | Lab Noon by Saghar Setareh-23

Purtroppo non cucino tantissimo in questo periodo. Pranzo quasi sempre in ufficio e la sera, molto spesso faccio aperitivi o cene fuori. Non è la mia situazione ideale alimentare ma sto imparando a gestirlo. Di solito i miei pranzi – super semplici e salutari- comprendono una parte di carboidrati buoni e ricchi cereali (farro integrale, orzo e avena integrale, riso integrale, quinoa, miglio, grano saraceno ecc) alcuni come quinoa sono anche molto ricco di proteine. Poi c’è una parte di verdura di stagione, che questi giorni sono gli asparagi appena scottati, piselli freschi, le fave, i carciofini etc. L’altra parte è l’insalata; vari tipi, rucola, iceberg, la lattuga romana,  spinacini freschi ecc. A questo punto serve qualcosa per condimento. Di solito vado sul classico l’olio e limone, e un po di sale marino integrale. A volto uso i sotto aceti o sotto oli come i pomodori secchi sotto olio per dare un po più di zing al piatto.

Sirocco Cookbook Review by Sabrina Ghayour | Lab Noon by Saghar Setareh-13
Sirocco Cookbook Review by Sabrina Ghayour | Lab Noon by Saghar Setareh-37

In questi ultimi mesi, faccio la spesa (quando possibile dal coloratissimo mercato sotto l’ufficio) e cucina nell’ottica di prepare pranzi settimanali. Perciò spendo una grande parte delle mie domeniche nel “batch cooking“, ovvero cucinare in grande quantità per tutta la settimana. Preparo due tipi dei cereali lessi (farro, orzo, riso venere, etc), due o tre tipi di verdure di stagione, uno o due tipi di legumi, e con una manciata di frutta secca e semi creo varie combinazioni dentro un contenitore faccio un pranzo ricco di sapori, colori che copre anche la maggior parte dei miei fabbisogni giornalieri. 

2. Piatti da Leggere e lo Sirocco

Nella mancanza del tempo per cucinare in questo periodo, sono più attratta dalla letteratura di cucina. Dal progettista editoriale e amante della cucina, ho una passione folle per i bei libri di cucina. Sempre negli ultimi mesi sono usciti tanti libri favolosi di cucina dai miei autori preferiti, di cui (finora) me ne sono regalati due. Di uno parlerò nel prossimo post. Mentre ora vi vorrei parlare di Sirocco, di Sabrina Ghayour. La Persiana di Sabrina, portò una tempesta nel mondo food dell’ovest di Europa un paio di anni fa. Iraniana anche lei di origine, nella sua cucina ispirata al medio oriente, ha portato il tocco magico della semplificazione e accessibilità, togliendo quella nuvola di una cucina esotica, super-speziata e troppo diversa dai piatti occidentali.  Continue reading

“Back to the Roots”… e Un Dorato Vellutato di Verdure Con Crema di Anacardi e Feta, Melograno e Semi di Nigella

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-23

Sono ritornata.

Questa è la novità. Qui ve lo annuncio, per la prima volta, pubblicamente. 

Sono ritornata nel (quasi) cuore di Roma, la città che amo, la città che mi permetto di chiamarla casa, dopo averci vissuto più di 8 anni. Ho cambiato casa. Ho fatto un trasloco che assomigliava l’esodo del terzo millennio. Ho riordinato le mie mille cose –a meta, devo ancora continuare– e mi sono liberata di mille vestiti, libri e oggetti vari che non mi davano una scintilla di gioia

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-13
Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-7

Sono ritornata single. 

Ho fatto un lungo percorso, dove ho amato, ho riso, ho viaggiato, ho goduto… ho pianto, ho sofferto, ho abbandonato e poi…

Sono ritornata.

Piano piano sto cominciando a curare le cose che avevo trascurato negli ultimi tempi, presa dai pensieri e impegni. Sono le piccole cose, che avevo dimenticato come si faceva a goderle, come lavare i piatti con l’acqua calda dopo la colazione all’alba, lasciare entrare l’aria fresca del mattino nella camera senza avere paura del freddo, spolverare le cose prima di andar via, e godersi una lettura in silenzio la sera, da sola, nel centro del letto. 

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-25

Sono ritornata a curare bene la mia dieta. Anche qui, sto provando a togliere tutto ciò che era in eccesso e non mi faceva del bene. Mi ero premessa di fare un mese di disintossicazione vegan e sostanziosa nel mese di febbraio. Anche se non ci sono riuscita del tutto (perché condivido l’appartamento nuovo con dei ragazzi del sud; a casa volano insaccati e formaggi artigianali a cui è molto difficile dire di no!), ho ridotto tantissimo gli alimenti confezionati, ho inserito tanta verdura e frutta fresca, e ho ridotto i formaggi e eliminato (per il momento) i derivanti della carne.

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-16
Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-3

Ho la fortuna di lavorare in una strada dove ogni mattina c’è un coloratissimo mercato di frutta e verdura fresca che mi permette di scegliere i miei spunti tra la frutta fresca di stagione, e mi fa sognare a tutte le cose che cucinerei (e e fotograferei) se non dovessi andare in ufficio.

E’ stato proprio questo mercato a ispirarmi a fare questa ricetta. Immaginavo come potevo mischiare le carote –freschissime, ancora con le cime verdi– con le rape, la zucca e altre verdure per creare un piatto che sia semplice e genuina, ma nello stesso tempo saziante e bilanciato. Continue reading

Cena di Una Notte di Mezza Estate; Frittelle Senza Glutine con Farina di Cocco e l’Insalatina alla Persiana

Gluten Free Fritters with Ricotta & Coconut Flour | Frittelle Senza Glutine con Farina di Cocco | Lab Noon by Saghar Setareh-19

E’ una confessione un po’ imbarazzante, ma lo devo fare. Sono quel tipo di food blogger la cui nutrizione soffre durante l’estate! Di solito mi rifiuto di cucinare totalmente, sopratutto se un periodo come questo; pieno di lavori e impegni (che è indubbiamente una bella cosa). Non dovrebbe essere così però, c’è tutta la bontà estiva da approfittare. Credo che non ci sia nessun altro momento dell’anno in qui la natura è così generosa; O così colorata e variata nella sua generosità. Ecco di solito come campo in questi caldissimi giorni di estate. Confessione shock: Ho sopravvissuto all’ondata tremenda del caldo con tanti, tantissimi ghiaccioli! Quelli comprati, purtroppo. Sto ancora nella ricerca per le formine di ghiaccioli per fare una cosa sana e nutriente (e sopratutto senza zuccheri aggiunti) a casa.

Poi naturalmente c’era anche l’anche l’anguria, che non ne posso mangiare tanta perché il mio stomaco non riesce a digerire bene tutta la famiglia dei meloni, l’anguria e a volte anche i cetrioli. Tante volte nelle sere calde estive in Iran si cena con “hazeri” ovvero, il pronto. Posso dire che questi ultimi due mesi ho mangiato quasi solo con hazeri. I piatti pronti (hazeri) sono semplici e freschi e hanno l’essenza dell’estate dentro. Di solito sono composti dal pane, il formaggio (tipo feta) e la frutta estiva come l’anguria, il melone, l’uva, i fichi; ma anche i pomodori e cetrioli. La combinazione assomiglia anche un tagliere di antipasto/aperitivo italiano. Basta scambiare leggermente il tipo del pane e del formaggio ed è subito fusion!

Gluten Free Fritters with Ricotta & Coconut Flour | Frittelle Senza Glutine con Farina di Cocco | Lab Noon by Saghar Setareh-7

Dopo qualche settimana passata a mangiare solo alimenti pronti ma freschi, avevo bisogno di un pasto leggero, gustoso e un po’ più ricco! Avendo mangiato tanto pane, intendo ridurre il glutine per un po’. Quindi cerco di preferire pasti senza glutine. Ho deciso di provare la farina di cocco Ventura, marca leader nel settore della frutta secca cui mi affido da quando ho avuto la fortuna di assaggiare i loro prodotti di ottima qualità. La farina di cocco di Ventura è stata una piacevolissima sorpresa; fresca al gusto, più morbida di quello che mi aspettavo e con il profumo delle isole tropicali.La cosa interessante è che non dolce (non so perché immaginavo un sapore dolce per la farina di cocco) quindi la sì può integrare a tanti piatti salati e non solo ai classici dolci. Inoltre, è completamente senza glutine. Perciò è un alimento sicuro anche per i celiaci, oltre che per gli intolleranti al glutine.

Il cocco è un super food. È un alimento molto ricco, quindi può essere una fonte di energia integrata in vari pasti. 

Gluten Free Fritters with Ricotta & Coconut Flour | Frittelle Senza Glutine con Farina di Cocco | Lab Noon by Saghar Setareh-16
Gluten Free Fritters with Ricotta & Coconut Flour | Frittelle Senza Glutine con Farina di Cocco | Lab Noon by Saghar Setareh-13

Online si trovano migliaia di ricette dolci con il cocco ma io volevo sostituire la sostanza farinosa di un piatto salato. Ha una texture interessante e si sposa molto bene con gli ingredienti che ho utilizzato.

Ho fatto varie prove e dopo averlo messo praticamente ovunque ho fatto queste frittelle senza glutine….  che poi tanto”frittelle” non sono, perché le ho cotte al forno! Sono semplicissime e sorprendentemente buone. Ho usato il formaggio primo sale ma andrebbe benissimo anche la ricotta (colata). Ho usato la parte verde dei cipollotti freschi per dare un po di texture, la curcuma per dare sapore e colore (che si sposa benissimo con il cocco, chi l’avrebbe mai detto) e un uovo per legare il tutto. Servite con un’insalata fresca iraniana rappresentano una cena perfetta per le calde serate estive. La cosa interessante è che le si può servire anche fredde… forse sono anche più buone!

Gluten Free Fritters with Ricotta & Coconut Flour | Frittelle Senza Glutine con Farina di Cocco | Lab Noon by Saghar Setareh-15

L’insalata si chiama Shirazi, presumibilmente perché ha origini in Shiraz, in sud dell’Iran. È molto semplice e rinfrescante ed è fatta dagli ingredienti estivi che si trovano facilmente in ogni casa. Pomodoro (meglio se di diversi tipo, per cambiare un po il colore e la consistenza dell’insalata), il cetriolo (meglio quelli più piccoli, e privi di semi se ne hanno tanti) e la cipolla (meglio rossa, o un mix di scalogna e cipolle diverse). Per il dressing è fondamentale la menta; meglio se fresca, ma anche la menta secca va benissimo. Non ci può mancare il succo fresco di lime (ma va bene anche del limone). Continue reading