“Back to the Roots”… e Un Dorato Vellutato di Verdure Con Crema di Anacardi e Feta, Melograno e Semi di Nigella

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-23

Sono ritornata.

Questa è la novità. Qui ve lo annuncio, per la prima volta, pubblicamente. 

Sono ritornata nel (quasi) cuore di Roma, la città che amo, la città che mi permetto di chiamarla casa, dopo averci vissuto più di 8 anni. Ho cambiato casa. Ho fatto un trasloco che assomigliava l’esodo del terzo millennio. Ho riordinato le mie mille cose –a meta, devo ancora continuare– e mi sono liberata di mille vestiti, libri e oggetti vari che non mi davano una scintilla di gioia

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-13
Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-7

Sono ritornata single. 

Ho fatto un lungo percorso, dove ho amato, ho riso, ho viaggiato, ho goduto… ho pianto, ho sofferto, ho abbandonato e poi…

Sono ritornata.

Piano piano sto cominciando a curare le cose che avevo trascurato negli ultimi tempi, presa dai pensieri e impegni. Sono le piccole cose, che avevo dimenticato come si faceva a goderle, come lavare i piatti con l’acqua calda dopo la colazione all’alba, lasciare entrare l’aria fresca del mattino nella camera senza avere paura del freddo, spolverare le cose prima di andar via, e godersi una lettura in silenzio la sera, da sola, nel centro del letto. 

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-25

Sono ritornata a curare bene la mia dieta. Anche qui, sto provando a togliere tutto ciò che era in eccesso e non mi faceva del bene. Mi ero premessa di fare un mese di disintossicazione vegan e sostanziosa nel mese di febbraio. Anche se non ci sono riuscita del tutto (perché condivido l’appartamento nuovo con dei ragazzi del sud; a casa volano insaccati e formaggi artigianali a cui è molto difficile dire di no!), ho ridotto tantissimo gli alimenti confezionati, ho inserito tanta verdura e frutta fresca, e ho ridotto i formaggi e eliminato (per il momento) i derivanti della carne.

Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-16
Root Vegetable Soup with Cashew Cream | Vellutata di Verdure con Crema di Anacardi | Lab Noon by Saghar Setareh-3

Ho la fortuna di lavorare in una strada dove ogni mattina c’è un coloratissimo mercato di frutta e verdura fresca che mi permette di scegliere i miei spunti tra la frutta fresca di stagione, e mi fa sognare a tutte le cose che cucinerei (e e fotograferei) se non dovessi andare in ufficio.

E’ stato proprio questo mercato a ispirarmi a fare questa ricetta. Immaginavo come potevo mischiare le carote –freschissime, ancora con le cime verdi– con le rape, la zucca e altre verdure per creare un piatto che sia semplice e genuina, ma nello stesso tempo saziante e bilanciato. Continue reading

Torta di Mele di Mia Mamma per San Valentino

Apple Cake for Valentine's Day | Torta di Mele per San Valentino | Lab Noon-8

Quando avevo circa 4 o 5 anni, mio zio più giovane si fidanzò con una ragazza i cui genitori erano lontani parenti dei miei nonni. Tutto normale fino a qui, a parte del piccolo dettaglio che mio zio trentenne viveva da più di dieci anni nella Svezia e la ragazza non aveva mai messo il piede fuori della sua città natale in Iran! Era un fidanzamento combinato. Loro non si erano mai visti. E senza l’internet all’inizio degli anni novanta, si dovevano accontentare delle occasionali chiamate telefoniche costose e a bassa qualità, e qualche foto o lettera inviata per posta che arrivavano in ritardo. Già un paio di anni dopo mi esprimevo febbrilmente a chiunque mi avesse ascoltato “Ma che diavolo gli passava per la testa?“, ma in quel periodo mi divertivo a star vicino alla futura sposa. 

Era troppo giovane, malapena ventenne. E come tante altre ragazza sognava di essere la mogliettina perfetta e di vivere felici e contenti con il suo marito perfetto, naturalmente in Svezia. Si voleva preparare per tutto ciò, così frequentava corsi di pasticceria. Peccato che tutto finì quando mio zio, la cui resistenza a tutta questa storia non era mai stata presa sul serio dai miei nonni, la telefonò un giorno e annullato il matrimonio. Ovviamente, fu subito uno enorme scandalo. La famiglia di lei interrompo qualsiasi rapporto con tutta la mia. Eventualmente però tutti andarono avanti e fecero altre storie, matrimoni, divorzi e figli. E più e meno un decennio dopo, le due famigli ripresero a sentirsi di nuovo. 

Apple Cake for Valentine's Day | Torta di Mele per San Valentino | Lab Noon-7

Nel frattempo, mia mamma aveva sviluppato un certo interesse per la pasticceria casalinga. Sperimentò sopratutto con le torte. Poi fece un passio più avanti e cominciò a auto-produrre tutti i pasticcini e biscotti per le feste più importanti come Norouz (La nostra festa per l’anno nuovo che ci si deve seppellire sotto i dolci per il regolamento o non è una vera festa). Tutti le dicevano che doveva cominciare un’attività con i sui pasticcini perché era troppo brava, ma lei non lo fece mai. Peccato. Tuttavia ha organizzato accuratamente le sue ricette preferite prese dai programmi di cucina o dalle amiche. Le ha raccolte nei taccuini che ora portano il segno del tempo, con qualche macchia di burro o dell’infuso dello zafferano. 

Uno dei suoi successi fu proprio questa torta di mele. Era un classico in tutte le sue feste e le donne le chiedevano sempre la ricetta. Vedete, è una torta semplice fatta a casa, con una base piuttosto ferma, che però lascia una sensazione vellutata in bocca appena si assaggia quel purè di mele, che alla sua volta ricorda una crema sfiziosa. E quando si arriva alla spumeggiante, leggerissima meringa con fiocchi di mandorle, ormai siamo conviti di aver mangiato una torta di alta pasticceria. Anche le sue meringhe non vengono mai perfette. 

Apple Cake for Valentine's Day | Torta di Mele per San Valentino | Lab Noon-11
Apple Cake for Valentine's Day | Torta di Mele per San Valentino | Lab Noon-4

Il segreto della popolarità di questa torta è proprio questo; È abbastanza semplice da preparare in un lungo pomeriggio d’inverno, ma è anche abbastanza elegante da servire in un brunch o un ricevimento del tè. Mia mamma congelava ciò che rimaneva della torta da servire più tardi. Cosa che non accadeva mai, perché immancabilmente trovava dei buchi enormi nella crema, perché qualcuno l’aveva mangiucchiata, congelata! Credo che era una specie di vendetta inconscia al fatto che ogni volta lei correva a mettere la ciotola vuota dell’impasto della torta sotto l’acqua corrente in modo che io non me la leccassi via. (“È cruda e ti fa ingrassare!“)

Solo anni più tardi, qualche mese fa per essere precisi, mi venne in mente di chiederle dove ha preso la ricetta della sua famosa torta delle mele. Avevo completamente dimenticato l’assurdo fidanzamento combinato di mio zio, perciò è stata una sorpresa quando mia mamma mi disse che la ricetta era una di quelle che l’ex fidanzata a lunga distanza aveva imparato nel corso di pasticceria. Questo mi ha fatto riflettere, dell’amarezza con cui sarà rimasta lei dopo la fine di quella storia. Immagino che non abbia fatta più quella torta. Forse ha smesso di fare dolci del tutto. O magari no, chi sa. Speriamo che dopo qualche anno si sia resa conto che non sposare un uomo che non aveva mai conosciuto era per il meglio. 

Apple Cake for Valentine's Day | Torta di Mele per San Valentino | Lab Noon-3
Apple Cake for Valentine's Day | Torta di Mele per San Valentino | Lab Noon-6

Ho riflettuto anche sulla serie degli eventi. La dolcezza di un’elegante torta fatta a casa, che tutti hanno amato per molti anni, in realtà è il ricordo sbiadito di una amarezza. La vita è imprevedibile (grazie al cielo). Desideriamo certe cose e invece ne otteniamo altre. Quell’altra cosa può essere una torta di mele. Forse quello che desideravi era una suntuosa mousse di cioccolato, con liquore e fragole (che sono del tutto fuori stagione a febbraio), ma questo non rende la torta di mele inferiore. 

Noi non osserviamo il giorno del San Valentino. Quest’anno non ci vedremmo nemmeno durante la giornata. Ma sin dai nostri primissimi giorni, quando nemmeno il pensiero di questo blog esisteva, io cucinavo qualcosa di speciale, qualcosa di buono per l’occasione. Di solito c’erano la cioccolata e dei piccoli cuoricini in mezzo (ma mai le fragole! Trovo le finte fragole invernali di cattivo gusto in ogni senso). Non quest’anno. Quest’anno sono presa dall’imprevedibilità della vita. Così vorrei seguire il suo flusso. Ho optato per quello che ho, non quello che avrei desiderato. Può sembrare modesto, ma è gustoso, ha la sua storia ed è perfettamente di stagione; È l’imperfetta torta di mele di mia mamma per San Valentino. Un po perché mi manca lei, ma anche perché il suo amore è uno dei fatti meno imprevedibili della vita. E infondo, perché non condividere con una persona cara una torta di mele che ha la base solida e la guarnizione lisca e dolce? Un pizzico delle spezie afrodisiache e il dolce del San Valentino è sistemato. 

Apple Cake for Valentine's Day | Torta di Mele per San Valentino | Lab Noon-5

Nota: Questa è una torta da concedersi per le occasioni speciali, perciò non è perfetto per chi fa molta attenzione alle quantità di zucchero e burro, perché ne ha abbastanza. Io comunque ho sostituito sia la farina che lo zucchero con la versione integrale per dare più sostanze nutrienti.

Continue reading

In Elogio delle Festività Invernali e Pollo al Melograno alla Persiana

Festive Chicken Pomegranate | Pollo al Melograno per le Feste | Lab Noon “Cio che ti ferisce, ti beatifica. Il buio è la tua candela.”
-Rumi

 La luce, il Buio e le Festività d’Inverno

Le giornate sono diventate più corte e le ore del buio sono diventate più lunghe. Il vento è più freddo e pungente. La luce del mattino arriva tardi e dura per poche ore. Questo è il percorso della Terra negli stagioni, è l’alchimia di Madre Natura. Noi corriamo con il frenetico lavora-compra-lavora-compra ritmo natalizio come se non succedesse niente, ma ci sbagliamo. Abbiamo risieduto nelle giornate sempre più buie dall’inizio dell’estate e in questi giorni, il 21 dicembre per essere precisi, la notte sarà quella più lunga dell’anno. E come succede spesso nella via, dopo il periodo più lungo del buio, nasce la luce. Incomincia ufficialmente l’inverno ma giorno dopo giorno, le ore della luce allungano secondo per secondo, fino al primo giorno dell’estate. Il ciclo eterno della vita e la morte, la luce e il buio. La danza della Terra con il Sole.Festive Chicken Pomegranate | Pollo al Melograno per le Feste | Lab Noon Il solstizio d’inverno è stata una festa antica in tante culture pagane e ha influenzato molte celebrazioni invernali durante il tempo. È il giorno della nascita della Luce, Mehr o Mitra, il dio zoroastriano della luce. In Iran, è stato festeggiato da migliaia di anni in una festa chiamata Yalda, la notte più lunga dell’anno. Durante questa notte gli amici e parenti si raggiungevano intorno ad un tavolo, portavano la frutta fresca e secca che avevano messo a parte dalla raccolta, accendevano le candele e leggevano poesie e raccontavano le storie per scacciare il demone (il buio) e dare il benvenuto alla luce del giorno nuovo. Tante festività invernali si sono ispirati da questa battaglia tra la luce e il buoio. Mitra del culto romano e Sol Invictus (Il Sole Invitto) sono entrambi nati il 25 dicembre, lo stesso giorno che celebrava anche Dies Natalis Solis Invicti, la festivita dell’antica Roma in adorazione del sole. Anche Chanukkah, la festività ebraica conosciuta anche come Festa delle Luci o Festa dei Lumi è festeggiata in questo periodo. E non ultimo, anche la festività invernale più conosciuta, il Natale è festeggiato il 25 dicembre. 

Tutte queste celebrazioni invernali, per quanto possono sembrare distanti e differenti tra di loro, sono state ispirate dalla nascita (natività?) della nuova luce e successivamente si sono influenzate a vicenda. Io sono profondamente affascinata da questi similitudini e le radici comune dei costumi antichi del mondo. La razza umana è riuscita a interpretare fantasiosamente i cambiamenti incessanti e costanti della natura dalle quali derivano delle magnifiche celebrazioni locali e globali.
Come vi ho già detto, io sono cresciuta con Natale. Invece sono cresciuta con Yalda. Il festeggiamento di Yalda nell’Iran moderno non è molto complicato. Gli elementi essenziali sono la frutta fresca e quella secca. La ciotola della frutta secca or Ajil è fatta da pistacchi, mandorle, noci e nocciole non salate, uva secca, e albicocche e/o pesche secche. Nella frutta fresca non può assolutamente mancare il melograno (che simboleggia la luce!) e non-chiedetemi-perché, l’anguria! Non ho nessuna idea come questa frutta estiva è finita nella tradizione invernale (si dice che la gente se la conservava nelle cantine freschissime fino all’inverno), so solo che in questo periodo Iran è pieno di melograni e angurie.Festive Chicken Pomegranate | Pollo al Melograno per le Feste | Lab Noon Per la tradizione gli amici e parenti si siedono intorno a Korsi (un tavolino basso con una stufa sotto, ricoperto da un’enorme coperta) e ci mettevano la frutta e i dolci. Leggevano le poesie e raccontavano storie per passare questa lunga notte assieme. (Per questo motivo e nell’occasione della mostra Unedited History, Iran 1960 – 2014 al MAXXI di Roma, il 20 e 21 di dicembre ho fatto un laboratorio di raccontare storie per i bambini ed è stato un successone! La mostra dura fino ad 29 marzo. Se capitate a Roma non ve la perdete!)

Il Cibo e le Ricette dei Food Blogger Persiani per Yalda

Siccome Yalda è una festa molto importante in Iran (e tanti altri paesi nell’Asia centrale) ma è poca conosciuta nel resto del mondo, abbiamo fatto una raccolta di ricette ispirate da questa festa insieme ad alcuni food blogger iraniani (come avevamo fatto anche per Mehregan) . Potete trovare queste fantastiche ricette (in inglese) nel fondo del post originale. Sicuramente potete trovare qualche ispirazione per le feste. 
Non sorprendentemente in tante di queste ricette si trovano sia il melograno che la frutta secca, essendo proprio questi alimenti i protagonisti di questa festa. Invece della nostra solita melassa di melograno, che in versione commerciale spesso contiene tanti conservanti e agenti chimici, ho usato il succo di melograno 100% naturale (vale la pena cercarlo), con un paio di cucchiai di zucchero e un pizzico di sale. 

Festive Chicken Pomegranate | Pollo al Melograno alla Persiana | Lab Noon
Festive Chicken Pomegranate | Pollo al Melograno alla Persiana | Lab Noon

Per la frutta secca invece ho scelto i pistacchi e le mandorle sgusciati e non salati di Ventura. In Iran noi vantiamo della nostra frutta secca eccezionale (sopratutto i pistacchi) e la usiamo in tanti piatti sia dolci che salati. Perciò ci tenevo di usare un prodotto di ottima qualità per questa ricetta, e sinceramente sono molto soddisfatta dei prodotti di Ventura.Festive Chicken Pomegranate | Pollo al Melograno alla Persiana | Lab NoonQuesta ricetta di pollo al melograno è semplice, sana (ma non leggerissima, essendo nel periodo festivo) e sicuramente piacerà anche ai vostri ospiti. La salse è agrodolce fino al punto giusto e i chicchi di melograno le danno una gradevole freschezza. La pelle del pollo è croccante mentre dentro è morbido e succoso, e tutto è avvolto in una magica aroma dello zafferano. Non per l’ultimo, il texture e la ricchezza creata dalle mandorle e i pistacchi tagliati grossolanamente, trasformano questo pollo al melograno a un vero piatto festivo. Sarebbe ottimo servito con il riso cotto al vapore alla persiana, ma non è necessaria. Noi l’abbiamo mangiato con il mio pane fatto a casa con il lievito madre ed era squisito.  Continue reading